Tiger il fenomeno guarda sempre tutti dall’alto

Il fuoriclasse precede di un sol colpo Garcia, Dimarco e Els. Oggi gran finale

Maria Pia Gennaro

La terza giornata del 135° Open Championship in corso al Royal Liverpool ha riservato non poche sorprese. Tutti si aspettavano l'attacco di Tiger Woods, al comando dopo le 36 buche con un colpo di vantaggio sul sudafricano Ernie Els. I due, partiti in chiusura di giornata, non hanno mostrato un gioco ai loro livelli e hanno terminato entrambi un colpo sotto il par grazie al birdie alla 18. Il fenomeno americano, nonostante una lunghissima seduta sul putting green prima della partenza col suo maestro Hank Haney, ha fatto per ben due volte tre putt sulle seconde nove buche e ha mancato un altro putt da un metro e mezzo. Els, dal canto suo, ha subito per l'ennesima volta, la sudditanza psicologica nei confronti di Woods e ha fallito alcune facili occasioni. Oggi è stata la giornata di Sergio Garcia e di Chris Dimarco. Lo spagnolo ha chiuso il 65 colpi con un fantastico 29 sulle prime nove (4 birdie e un fantastico eagle 2 alla 2); sulle seconde non è riuscito a mantenere il medesimo ritmo ma ha chiuso comunque uno sotto. L'americano, ripresosi dopo l'infortunio della fine di marzo e nonostante il grande dolore della perdita della madre, ha mostrato il suo carattere di grande combattente ed è andato ad occupare la seconda posizione con Garcia ed Els a -12. Tre ottimi 66 sono stati opera dei tre «quasi outsider» Angel Cabrera, Jim Furyk e Hideto Tanihara. Il loro -11 totale gli vale la quinta posizione di attesa per oggi: tutti e tre possono ambire a un piazzamento più che di prestigio. Giornata con poca adrenalina per l'italiano Edoardo Molinari, che ha terminato in 77 colpi e che oggi lotterà per la gold medal con il norvegese Thorp di tre colpi avant a lui. Per lui due pesanti doppi bogey e un bogey, ma gli rimane la grande soddisfazione di aver superato il taglio per il secondo anno consecutivo nel torneo Major più antico e carico di carisma al mondo.
Tiger, dunque, al comando delle operazioni (-13) davanti al trio formato da Sergio Garcia, Chris Dimarco ed Ernie Els (tutti a -12). In quinta posizione la coppia formata da Jim Furyk e Angel Cabrera (-11). Un colpo sotto al settimo posto Hideto Tanihara (-10) nei confronti del duo Mark Calcavecchia e Adam Scott (-9) mentre Andres Romero è l’ultimo dei top ten (-8). Oggi gran finale con la diretta su Sky 3 a partire dalle 12 con la telecronaca di Mario Camicia coadiuvato da Silvio Grappasonni.