TIGULLIO IN RIVOLTA

È rivolta nel Tigullio contro la decisione della Regione di chiudere il «118» di lavagna, unico presidio di emergenza tra Genova e La Spezia. Una decisione incredibile che ha subito scatenato la reazione anche della politica. «Non si toccano i servizi che funzionano», tuona Roberto Bagnasco, consigliere regionale del Pdl che ha subito presentato un’interrogazione urgente insieme ai colleghi Matteo Rosso, raffaella della Bianca, gino garibaldi e Franco Rocca. Anche Edoardo Rixi della Lega attacca senza metti termini: «La giunta di sinistraè sempre più distanziata dal territorio e dai problemi quotidiani della gente comune. Verrebbero a crearsi problemi logistici e burocratici a tutto danno dei pazienti. Inoltre il Tigullio è una zona densamente popolata che nel periodo estivo raddoppia i suoi residenti».