Timbro del tribunale investe un’auto

Un timbro di tribunale, di quelli con la scritta Ministero di Grazia e Giustizia, fa sempre una certa soggezione. Soprattutto se viene applicato su documenti di una certa rilevanza giudiziaria. Raramente, però, può capitare che lo stesso timbro faccia fisicamente dei danni ad un’auto parcheggiata vicino al tribunale. Ed è invece quello che è successo ieri a Chiavari dove l’amministrazione del locale Palazzo di Giustizia si è vista recapitare una protesta con tanto di richiesta danni per uno dei loro timbri «volato» da una finestra.
Va da se che l’auto in questione era anche in sosta vietata in quanto lo spazio che occupava era riservato alla Polizia Giudiziaria. Ma questo è un dettaglio secondario.
Lo strano episodio è accaduto dunque nel Palazzo di Giustizia di piazza Nostra Signora dell’Orto dove si trovano gli uffici del Tribunale, alcune aule di giustizia e uffici della Procura e della Polizia giudiziaria.
L’automobilista in questione sostiene che aveva appena lasciato il suo veicolo (dove non avrebbe dovuto) quando, improvvisamente, un grosso timbro è comparso dal nulla e, volando, è caduto pesantemente sulla sua auto arrecando un certo danno. Che tipo di danno possa causare un timbro, per quanto caduto da una certa altezza, è tutto da vedere. Tuttavia il fatto ha subito avuto un riscontro ufficiale.
Dopo la protesta del cittadino, infatti, la Procura ha avviato un’inchiesta. «Prima di tutto - ha detto il procuratore capo Luigi Carli - dobbiamo appurare se quel timbro è in uso al personale della Procura o del Tribunale e se effettivamente c’è stato il danneggiamento di cui si parla».
Dell’indagine se ne occupa una «task force» composta da Carabinieri e Polizia giudiziaria.