Time: " McCain ha scelto il suo vice, sarà Romney"

Lo rivela <em>Time</em>. Il candidato repubblicano alla Casa Bianca ha scelto come vice l'ex governatore del Massachussetts ed ex sfidante nei primi turni delle primarie. L'annuncio ufficiale il 29 agosto. Anche Obama ha deciso, ma non rivela ancora il nome

New York - John McCain, il candidato repubblicano alla Casa Bianca, ha scelto l’ex governatore del Massachusetts Mitt Romney (e sfidante nei primi turni delle primarie) come candidato alla vice presidenza. Lo rivela la rivista Time citando due esponenti del partito repubblicano, che parlano in forma anonima. L’annuncio formale arriverà il 29 agosto, il giorno in cui McCain compirà 72 anni. Infatti McCain avrebbe scelto, ma "ma ancora non è stata fatta un’offerta" ufficiale. Secondo il New York Times invece McCain sarebbe sottoposto a pressioni da parte di alcuni stretti collaboratori a scegliere un outsider come vice, il generale David Petraeus, il comandante delle forze americane in Irak. Il mormone Romney, un ex candidato alla presidenza, consentirebbe a McCain di rafforzare il ticket repubblicano sul suo punto debole, l’economia.

La scelta di Obama Barack Obama ha detto di avere scelto il candidato alla vicepresidenza, ma si guarda bene dal fare sapere chi sarà. Per la quarta mattina, sostenitori, giornalisti e curiosi - che già da martedì aspettano con il fiato sospeso l’sms con cui il senatore dell’Illinois ha promesso di comunicare il nome del misterioso vice, - sono rimasti con la bocca asciutta. Ovviamente, non è dato sapere quando arriverà e non si può che tentare di indovinare la strategia, a questo punto puramente mediatica, del senatore dell’Illinois. I nomi più gettonati sono sempre gli stessi: quello dell’anziano senatore del Delaware Joe Biden, della governatrice del Kansas Kathleen Sebelius e del governatore della Virginia Tim Kaine. Restano sullo sfondo l’ex first lady Hillary Clinton, sconfitta di misura da Obama nelle primarie, il governatore del Nuovo Messico Bill Richardson. Biden è in prima fila secondo molti insider democratici, ma potrebbe essere una pista sbagliata per svelare un segreto finora assolutamente impenetrabile.