Il Times intervista il padre di Noemi

Il giornale inglese prosegue la sua &quot;inchiesta&quot; sulla falsariga di <em>Repubblica</em>. L'obiettivo: screditare l'immagine del Cavaliere. &quot;Io autista di Craxi? No, ma i giornali attribuiscono a Berlusconi cose che non ha detto&quot;

Londra - Il Times torna ad occuparsi di gossip parlando ancora una volta del "caso Noemi". Stavolta l'attenzione si concentra sul padre della ragazza, Benedetto Letizia. Il corrispondente del quotidiano londinese, Richard Owen, scrive di aver preso visione del certificato di nascita di Noemi, su cui la paternità è effettivamente attribuita al signor Letizia. Poi prosegue con il sensazionalismo domandansosi come faccia la famiglia della ragazza a vivere in un quartiere non popolare come quello di Portici, e come mai la studentessa vesta con abiti firmati e venga scorrazzata per le strade della città in una lussuosa Mercedes.

Il reddito Il padre di Noemi, intervistato dal giornalista nella sua casa di Portici, conferma di aver dichiarato un reddito di circa 12mila euro. Parla poi di una "campagna di bugie e sensazionalismo per vendere i giornali". Letizia smentisce ancora una volta di essere stato l’autista di Craxi, poi osserva che "spesso a Berlusconi vengono attribuite dalla stampa a lui avversa delle cose che lui non ha mai detto". 

La festa "Nonostante le foto intime pubblicate da Chi - prosegue il quotidiano - il padre di Noemi da oltre due anni non vivrebbe più con la moglie e la figlia. Il regalo di Berlusconi a Noemi - un collier da 6mila euro - è stato descritto come un dono spontaneo fatto in un’improvvisa deviazione alla sua festa di compleanno".

L'invito Letizia padre ribadisce di essere stato lui a invitare il premier alla festa, non sua figlia. "Erava vecchi amici dai tempi del suo impegno giovanile nel Partito socialista napoletano all’epoca di Bettino Craxi, il mentore politico di Berlusconi".

La madre di Letizia Il Times passa poi alla madre della ragazza, Anna Palumbo, osservando che ha rifiutato di precisare come, quando e dove ha incontrato Berlusconi. In un’altra occasione, ricorda il giornalista, ha detto di averlo conosciuto attraverso le attività politiche del marito. La signora ha però anche spiegato, si osserva, che Berlusconi potrebbe "fare per mia figlia quello che non ha potuto fare per me", "lasciando intendere - rimarca il quotidiano - che lo conosceva già negli anni Ottanta".

Campagna mediatica Dedicando un pezzo di spalla all’ultimo botta e risposta fra palazzo Chigi e Repubblica, il Times afferma che molte domande restano ancora senza risposta. "Potrebbe esserci un’eccellente spiegazione per tutte le domande senza risposta. Ma se c’è, il presidente del Consiglio non l’ha ancora fornita" scrive il quotidiano britannico. La "tempesta" attorno alla vicenda "minaccia - comunque - di scuotere il seguito tradizionalmente saldissimo di Berlusconi". Le elezioni intanto si avvicinano. Chissà se il Times continuerà ad occuparsi di gossip anche dopo il voto. Vedremo.