Timo o rosmarino, nuovi riti dell’Averna

Un amaro ogni cinque bevuti in Italia è Averna. Detiene infatti una quota di mercato pari al 18,1 per cento con un fatturato 2005 di 73 milioni di euro pari a 7 milioni e 602mila litri di amaro venduti. Ma per quanto siano numeri importanti e per quanto siano allegre e giovani di spirito le varie campagne pubblicitarie del settore, c’è un grosso problema di fondo: il mondo dell’amaro è un mondo popolato da anziani, che esperti di marketing definirebbero “in via di estinzione”. Da qui l’imperativo di trovare nuove fasce di consumatori, giovani da affezionare all’amaro che non deve essere più visto come il digestivo o l’ammazza caffè di fine pasto. Ecco così l’Averna lanciare un nuovo bicchiere da degustazione: il Womb, cicciuto e simpatico, perfetto per accogliere un paio di cubetti di ghiaccio e aromi mediterranei come timo, rosmarino e salvia in rametti.