Tipologie del garantismo

Primo tipo di garantismo: perché Tizio è in galera e gli altri no?, liberatelo. Secondo tipo di garantismo: perché Tizio è in galera e gli altri no?, dentro anche loro. Ecco, a proposito dell’arresto di Stefano Ricucci non vogliamo certo insinuare che al Corriere della Sera propendano per il secondo tipo (o forse sì, forse vogliamo insinuarlo) e tuttavia va registrato un commento di prima pagina così titolato: «Più garantismo, meno furbetti». Si dice, in sostanza, che Ricucci non conta più niente e che dell’assalto al Corriere «non fosse certo il cervello»: sicché si reclama attenzione piuttosto sui suoi «avidi amici» e «banchieri a lui fedeli» e «personalità della maggioranza e dell’opposizione». Più che il secondo, forse è un terzo tipo di garantismo: fuori Ricucci, dentro qualcun altro. Salvo cucinare il finanziere, sempre sul Corriere, per un’intera e incredibile pagina in cui spiegare che la moglie lo sta lasciando perché il parvenu è rovinato. Infine c’è un quarto tipo di garantismo: dentro Ricucci e dentro anche Berlusconi: dal Manifesto di ieri, articolo di Valentino Parlato: «Di fronte all’esempio e al grande successo del Cavaliere è legittimo e naturale che qualche tentazione sia venuta anche al giovane Stefano. Ma è possibile abbia fatto tutto da solo, non dico senza una qualche alta protezione, ma senza neppure un aiutino? Viene voglia di dire: cercate ancora». Buon lavoro.