Tir salta la carreggiata: tre morti e 2 feriti

È di tre morti e due feriti gravi il bilancio dell'incidente stradale avvenuto ieri pomeriggio sull'autostrada A8 Milano-Varese che è stata riaperta in entrambe le direzioni solo intorno alle 19. Lo schianto è provocato da un mezzo pesante, un Tir. Che, dopo aver saltato la carreggiata, è piombato su altri veicoli coinvolgendoli.
Il fatto è avvenuto alle 15.30 nei pressi della diramazione per Como, in direzione Milano, in località Origgio. Oltre alle tre vittime - rimaste incastrate per ore e ore tra le lamiere - i due feriti sono stati portati rispettivamente con l’elisoccorso all’ospedale Niguarda e con un’ambulanza all’ospedale di Legnano.
Due delle tre vittime erano un’anziana coppia residente a Cerro, frazione di Laveno Mombello, cittadina varesotta affacciata sul Lago Maggiore: Paolo Castellini e Welma Carità Castellini, di 67 e 70 anni. Lei artista, lui imprenditore, erano conosciuti in tutta la zona. Lasciano tre figli.
Della terza vittima dello schianto, un uomo, non è stato invece confermato ancora il nome, anche se si è saputo che viveva in provincia di Biella. L'uomo viaggiava alla guida di un furgone Ford Transit.
Dopo le lunghe operazioni di estrazione dei cadaveri - che hanno coinvolto sia uomini dei vigili del fuoco sia quelli della polizia stradale - il traffico è ripreso a defluire sulla carreggiata sud alle 17.40, scortato dalle pattuglie della Polstrada e circa un'ora dopo sulla carreggiata nord, ma solo parzialmente. Rimaneva, infatti, da ripristinare la barriera spartitraffico di cemento distrutta dal Tir nel salto da una carreggiata all’altra.
La Società autostrade per tutto il pomeriggio ha consigliato - con cartelli luminosi e comunicazioni radio - ai viaggiatori dell’autostrada A8 di tenersi continuamente aggiornati sulle condizioni di viabilità e, nel caso in cui non avessero ancora intrapreso il viaggio, di non mettersi in viaggio su quella autostrada.