Tiscali La M&C di De Benedetti scende nel capitale sotto il 2% dal 6,9%

Management & Capitali ha comunicato alla Consob, lo scorso 22 gennaio, di aver ridotto entro la soglia del 2% la propria quota in Tiscali. Secondo la fotografia scattata dalla stessa Commissione di Borsa in precedenza, M&C era il secondo azionista della società cagliaritana, con il 6,86%, e alle spalle del primo socio, il fondatore Renato Soru, che ha recentemente assegnato a un fiduciario il proprio pacchetto del 17,7%. Nelle ultime sedute di Borsa il titolo Tiscali era stato sull’ottovolante, con un tonfo del 17,88% segnato proprio il 22 gennaio, dopo alcune sessioni consecutive in netto calo, e un rimbalzo del 10,82% venerdì. E il 22 gennaio, data comunicata da M&C per la riduzione entro la soglia del 2% di Tiscali, Citigroup aveva drasticamente ridotto il prezzo obiettivo assegnato al titolo tagliando con decisione anche le stime sul margine operativo lordo, ipotizzando che l’azienda continuerà a bruciare cassa fino al 2011. Venerdì sera la società cagliaritana ha tra l’altro precisato di non condividere le premesse, i contenuti e di ritenere infondate anche le conclusioni del report di Citi. Management & Capitali, società d’investimento fondata da Carlo De Benedetti, era diventata il secondo azionista di Tiscali nel settembre scorso in seguito alla conversione del prestito obbligazionario da 60 milioni di euro sottoscritto a fine 2007.