Tiscali, varato l’aumento da 150 milioni

da Milano

Carlo De Benedetti investe 60 milioni di euro in Tiscali che nel contempo si prepara a un aumento di capitale da 150 milioni di euro. Management&Capitali ha formalizzato infatti l’accordo per la sottoscrizione di un prestito obbligazionario subordinato per «supportare la crescita e lo sviluppo di Tiscali in Italia e nel Regno Unito». In Borsa la reazione è stata positiva all’annuncio, ma a fine seduta il titolo ha perduto il 5,30% a 2,19 euro. Per deliberare il relativo aumento di capitale il cda ha convocato l’assemblea straordinaria dei soci il 21 dicembre. L’emissione obbligazionaria si prevede avverrà entro la fine del 2007. M&C sottoscriverà obbligazioni a 5 anni (non saranno convertibili prima di un anno) emesse da una società di diritto lussemburghese, controllata da Tiscali, e garantite dalla medesima Tiscali con un tasso di interesse al 6,75% annuo. Il prezzo di conversione è stato fissato in 2,7 euro per azione (con un premio del 16% sul prezzo di Borsa di venerdì scorso). Il cda di Tiscali ha inoltre deliberato un aumento di capitale fino ad un massimo di 150 milioni di euro, da offrirsi in opzione agli azionisti di Tiscali. Si prevede verrà eseguito nei primi mesi del prossimo anno.