Titoli di coda per l'Apollo Oggi l'ultimo spettacolo

«The show must go on». Ogni volta che chiude un cinema, soprattutto in centro, si apre una ferita. Per la città e, per i milanesi, per gli amanti del cinema ma non solo. È sempre un lutto. Questa volta l'«energia negativa verrà convertita in positiva»: chiude un cinema, l'Apollo, ma si allarga il cinema Anteo e apre una nuova sala a City Life.

Oggi dunque scorrono i titoli di coda per l'Apollo che lascia il posto al cubo di Apple. O, meglio a uno dei più innovativi e tecnologici Apple store del mondo. In piazza Liberty, infatti, verrà scavato - parte del flagship store è sottoterra - il cubo trasparente firmato da sir Norman Foster. Cascate e vasche d'acqua incorniceranno la grande scalinata e l'anfiteatro multimediale, ricavata sotto quota rispetto al livello della strada - che ospiterà eventi pubblici e concerti. Non sarà solo un negozio, ma un luogo pubblico, uno spazio dove incontrarsi, partecipare ad eventi, passeggiare.

A nulla sono valse dunque le petizioni, le proteste e le lamentele degli aficionados dell'Apollo spazio cinema. «Per noi soci al 50% nella gestione del cinema Apollo - si legge nel comunicato della società Anteo spa - è stato, nostro malgrado, un cambio di rotta doloroso, in controtendenza con l'intento di promuovere la cultura del cinema e di crescere insieme al nostro pubblico. Ringraziamo gli spettatori per l'affetto dimostrato in questi dodici anni: ognuno di loro ha saputo darci qualcosa, dalla costante affluenza alle sale, alla petizione per salvare Apollo».

Ma se in piazza Liberty finisce una storia, comincia una nuova avventura in XXV aprile: «Le porte di Apollo si chiudono, ma si aprono quelle di Palazzo del Cinema Anteo e di un nuovo cinema a Citylife. Non è la stessa cosa, non lo sarà mai, ma vogliamo che il dispiacere si converta subito in energia positiva, costruttiva».

MBr