Titoli del lusso, Deutsche Bank non vede rosa

C’è Bulgari, ma anche Safilo. E poi la Luxottica di Leonardo Del Vecchio in comppagnia della Tod’s di Della Valle. Quattro “regine“ del lusso made in Italy finite nel mirino di Deutsche Bank, che ne ha tagliato il target price sui rispettivi titoli, mantenendo però invariati i giudizi. Il motivo dei ritocchi verso il basso dell’istituto tedesco? Il fatto che le prospettive del settore del lusso si sono deteriorate, al punto che la crescita futura è destinata a rallentare rispetto allo sviluppo del 13% atteso nel 2007. L’anno prossimo, l’incremento dovrebbe essere dell’8%, grazie anche al contributo dei Paesi emergenti. Per Luxottica il prezzo obiettivo passa a 28,30 euro da 30 euro; per Tod’s da 55 a 58, mentre quello di Bulgari scende a 9,40 da 10,50 e quello di Safilo a 3,30 da 4,10.