Titolo ai massimi spinto da Lehman

Eni

Titolo Eni ai massimi storici ieri: ha chiuso mettendo a segno un nuovo record a 23,41 euro, in rialzo del 2,21%, dopo aver toccato anche quota 23,48. Il gruppo, come tutti i titoli petroliferi europei, ha beneficiato dell'andamento del prezzo del petrolio, nonostante il calo del greggio a New York nel finale di seduta. Lehman Brothers ha alzato sopra i 50 dollari le sue previsioni per il Brent per tutto il decennio, con conseguente aumento dei profitti per le compagnie. L’Eni, tra l’altro, ha anche goduto dell’annuncio dato a fine settimana scorsa dell’inaugurazione di un nuovo importante giacimento in Iran. Venerdì il gruppo presenterà i numeri del primo semestre e le attese sono di una crescita a doppia cifra rispetto allo scorso anno per le principali voci del conto economico, spiegano gli analisti. A sostegno del titolo anche un report di Ing che ha incrementato il target price a 25,5 da 24,6 euro, confermando il rating buy.