Il titolo vola ancora La Consob in campo

Ancora una seduta positiva e a singhiozzo per Alitalia in Piazza Affari. Il titolo della compagnia di bandiera ormai prossima a dire addio al S&P/Mib, il paniere dove sono raccolti i pesi massimi del listino milanese, ha chiuso sui massimi di seduta con un ulteriore balzo del 10,8% a quota 0,64 euro. Nonostante le ripetute sospensioni, i volumi sono stati consistenti: è passato di mano l’1,45% del capitale (pari a 18,3 milioni di azioni). La frenesia della situazione è finita sotto la lente della Consob che ha avviato un attento monitoraggio. Nei giorni scorsi il presidente dell’Authority, Lamberto Cardia, aveva invitato il mondo politico a tenere un atteggiamento prudente nell’ipotizzare l’eventuale concretizzarsi di una cordata italiana in grado di fare uscire Alitalia dal vicolo cieco di dover accettare la proposta di Air France come unica alternativa al fallimento. I sindacati sono sul piede di guerra contro Parigi che punta a rilevare Alitalia (gravata da 1,2 miliardi di debiti), con un’offerta pubblica di scambio che valorizza attualmente Alitalia: 154 milioni. Air France procederebbe quindi a un aumento di capitale da 1 miliardo.