Il titolo vola ma la Borsa declassa il gruppo

da Milano

Piazza Affari «declassa» Alitalia. La compagnia aerea guidata da Maurizio Prato, da domani sera sarà estromessa dall’indice S&P/Mib, il paniere dove trovano posto tutti i pesi massimi del listino milanese. Un ulteriore smacco per Alitalia dopo le numerose incertezze industriali che hanno costretto il gruppo a cercare un salvatore.
Air France-Klm continua la trattativa dicendosi disponibile a fare qualche concessione ma a tenere banco tra gli investitori è stata l’attesa per la possibile discesa in campo di un cordata italiana che liberi Alitalia dalla morsa dei francesi. A rilanciare questa prospettiva è stato il leader del Pdl, Silvio Berlusconi secondo ci saranno novità a giorni. Per ora ha ufficializzato il proprio interesse l’inglese Terravision (mentre l’imprenditore Miro Radici ha posto gli occhi sull’attività cargo) ma Alitalia ha chiuso un’altra giornata in netto rialzo: più 26,1% a 0,577 euro (0,585 il picco). Sempre intensi gli scambi: è passato di mano l’1,6% del capitale, ovvero 22,06 milioni di titoli tra continue sospensioni al rialzo. Nelle ultime 4 sedute Alitalia ha recuperato in Borsa il 110%.
Proprio la grande volatilità del titolo, insieme al drastico calo della capitalizzazione accusato nelle ultime settimane, sono stati i motivi che hanno indotto il comitato che sovraintende l’indice S&P/Mib a estromettere Alitalia dal paniere principale. A sostituire Alitalia nella vetrina più «nobile» di Piazza Affari sarà Geox, il gruppo calzaturiero di Mario Moretti Polegato.