Il titolo vola su trattative e utili in rialzo

Entro domani, secondo il Financial Times, Abn Amro darà una risposta definitiva all’offerta avanzata dagli inglesi di Barclays sulla banca olandese. Due giorni di tempo, con le prime indicazioni che potrebbero arrivare già stasera, per sapere se la fusione tra i due istituti si farà, creando uno dei primi gruppi europei con possibile quartier generale ad Amsterdam, o se i britannici dovranno cedere il passo alla Royal Bank of Scotland che, insieme con gli spagnoli di Santander e i belgi di Fortis, ha recapitato ad Abn un’offerta alternativa. Intanto Abn Amro ha reso noti i conti del primo trimestre che hanno registrato profitti operativi in crescita del 25,5% rispetto allo stesso periodo del 2006, da 976 a 1.225 milioni, e un utile netto di 1.339 milioni contro i 1.038 milioni del primo trimestre delll'anno scorso. Il titolo ha raggiunto i massimi storici (+5,4%): in rialzo del 2,4% anche Capitalia, di cui la banca olandese è il primo azionista. Via Minghetti ha beneficiato anche del giudizio positivo arrivato da Moody's, che ha rialzato il rating a lungo termine da A2 ad A1.