Tlc, altri 4mila tagli per Alcatel-Lucent

Modesta risalita del titolo in Borsa: più 1% Risparmi per 400 milioni

da Milano

Il colosso franco-americano delle reti infrastrutturali di tlc Alcatel-Lucent annuncia il taglio di altri 4mila posti, pari al 5% della forza lavoro entro il 2009. A febbraio il gruppo aveva annunciato oltre 12mila esuberi. I nuovi tagli comporteranno risparmi per ulteriori 400 milioni di euro, per un totale complessivo di 2,1 miliardi di euro entro il 2009.
Alcatel-Lucent, che da dicembre ha già lanciato tre profit warning, registra nel trimestre tra luglio e settembre un calo dei profitti operativi destagionalizzati a 70 milioni di euro, contro i 430 milioni di euro di un anno fa. Gli analisti si aspettavano perdite per 2,1 miliardi di euro, anche se bisogna ricordare che gli utili operativi destagionalizzati forniti dall’azienda non tengono conto dei costi di ristrutturazione. La perdita netta trimestrale è di 258 milioni di euro, contro un utile di 532 milioni di euro di un anno fa. Il fatturato scende dell’11% a 4,35 miliardi di euro. L’amministratore delegato, Patricia Russo, fa sapere che le vendite rallentano molto in Nord America, soprattutto nel comparto wireless. Sulla scia dei cattivi risultati di bilancio il responsabile finanziario, Jean-Pascal Beaufrret, ha dato le dimissioni. Sulla scia dell’annuncio dei nuovi tagli il titolo del gruppo franco-statunitense è salito dell’1,06%. Dal momento dell’acquisizione le azioni hanno perso il 34%.