Todt, una furia rossa: «Nessun processo alla Ferrari battuta»

Alonso mette in crisi Massa, vince il suo primo Gp stagionale e guida il mondiale. Il dt seccato: «In Australia non eravamo fenomeni, ora non siamo da buttare»

nostro inviato a Sepang
A Melbourne aveva visto una platea in eccessiva adorazione, qui a Sepang un tribunale pronto a giudicare. Non è semplice la vita del ferrarista, e monsieur Jean Todt, il gran capo delle operazioni in campo, lo sa bene. È lui che consiglia umiltà e piedi per terra nella gioia del trionfo ed è lui che s’incacchia se, tre settimane dopo una vittoria, arrivano solo un podio e un quinto posto e le domande dei giornalisti pesano come macigni. Succede. «A Melbourne si diceva che eravamo imbattibili – sbotta - anche se non era così; e ora si pensa che siamo finiti. Non è così. Noi non cerchiamo scuse, complimenti alla McLaren, siamo delusi, andiamo via da qui con 10 punti: troppo poco visto il potenziale». Quindi lo sfogo: «Come non siamo assolutamente dei fenomeni se vinciamo, così adesso non è che dobbiamo esser mangiati dai cani... sembra di essere davanti a un tribunale».
Sepang, terra calda e malese. Nel giorno di Pasqua c’è tensione. Le Ferrari dovevano spaccare il mondo e invece la loro cavalcata diventa una via crucis. Alonso, pronti e via, sparisce all’orizzonte dopo aver beffato Massa in pole, poi bruciato anche da Hamilton in due occasioni. Nel pasticcio, persino Raikkonen resta dietro il brasiliano e perde l’occasione per seguire i fuggitivi. Dopo, quando lo farà, sarà ormai troppo tardi. Dunque, doppietta McLaren nel giorno della super Ferrari, ma piedi per terra. Alonso lo dice chiaramente: «Fantastico, sapevo che il sorpasso al via era l’unica chance per vincere; ora voglio restare in vetta al mondiale fino al termine, però le rosse sono ancora più forti di noi... Hamilton? Una volta secondo, mi ha aiutato a tener dietro le Ferrari. È stato bravissimo». Gioco di squadra stile Schumi e vecchia Ferrari.
Ma si diceva di Massa: una vera via crucis, la sua. Se Todt ha sulle spalle il fardello di riorganizzare le truppe per domenica prossima, il peso della colpa se lo porta addosso Felipe: suo l’errore che ha chiuso al via il Gp ferrarista. Con delicatezza, con attentissima scelta di parole, lo dicono e lasciano intendere un po’ tutti: il brasiliano stesso, Raikkonen, Todt, lo stesso Baldisserri, l’ingegnere che ha preso il posto, a livello operativo in pista, che fu di Brawn. Dice Massa: «Il sorpasso sbagliato? Alonso era ormai primo, non potevo lasciarlo scappare, per cui ho subito provato a passare Hamilton... ed è andata male. Lo rifarei, non sono incacchiato con me stesso: alla prima curva sono rimasto largo perché pensavo che frenando più tardi sarei entrato meglio – risponde a chi gli fa notare che quel cannibale di Schumi, senza tanti complimenti, avrebbe chiuso la porta in faccia ad Alonso –. Però mi si sono bloccati i freni e Fernando è passato; anche con Hamilton mi è andata male. In Australia ero arrabbiato ma non era stata colpa mia, adesso l’errore è mio... Ma siamo una squadra, si vince e si sbaglia assieme. Comunque è chiaro: ho perso la gara al via, altrimenti sarebbe stata un’altra storia».
L’altra storia è quella che emerge dalle parole dell’ingegner Baldisserri, lo stratega del box rampante: «Eravamo più leggeri delle McLaren, per cui era fondamentale partire davanti, ma quanto accaduto ha compromesso tutto. E loro, il venerdì, hanno provato con più benzina, mascherando le valutazioni». Un tranello, dunque: le McLaren parevano meno veloci di quanto lo fossero realmente. «La verità – conclude infatti - è che la differenza fra le vetture non era così grande come ci aspettavamo...». Sarà per il Bahrein. Kimi e, soprattutto, Alonso permettendo. Perché la Ferrari non ha dubbi: altro che fondo piatto e molle e annessi («l’assenza non ha inciso», assicura Todt e anche i rivali, Alonso e Ron Dennis, lo sottolineano); piuttosto il motore di Raikkonen tenuto al guinzaglio per la perdita d’acqua di Melbourne e anche qualcos’altro. Lascia intendere lo stesso finlandese: «È stato un weekend difficile, troppi compromessi che non posso dirvi, poca velocità, in Bahrein torneremo come in Australia. Ho visto l’errore di Felipe, è stato sfortunato: in quel momento ho provato a tenermi fuori dai guai, ma alla fine Hamilton ha passato anche me. La verità è che sono stati più bravi, però noi abbiamo imparato la lezione».