Toghe in sciopero giovedì udienze a rischio

L’appuntamento è per il 14 luglio, giovedì. Quel giorno a Milano come nel resto d’Italia le toghe incroceranno le braccia. E faranno saltare i processi, penali e civili, con le eccezioni previste dal codice di autoregolamentazione della categoria. In questo modo l’Associazione nazionale magistrati intende protestare contro la riforma dell’ordinamento giudiziario voluta dalla maggioranza e dal ministro Roberto Castelli e ormai arrivata sul filo di lana dell’approvazione in Parlamento. In realtà lo sciopero non è una novità: i giudici hanno già fatto saltare le udienze tre volte in tre anni, fra il 2002 e il 2004. La prima volta è successo il 20 giugno del 2002, poi, per due volte, l’anno scorso (il 25 maggio e il 24 novembre).