«Toglierei Adriano all’Inter»

da Torino

Superato con una certa disinvoltura l’ostacolo Siena, la Juventus si ritrova campione d’inverno. Ovvia la soddisfazione di Fabio Capello: «Siamo reduci da un anno solare veramente ottimo, ma non basta: dovremo assolutamente mantenere questo ritmo anche nel 2006. Inter e Milan, infatti, stanno inseguendo davvero alla grande e credo proprio che il campionato si deciderà soltanto nelle ultime partite. Inter e Milan sono due ottime squadre e si stanno dimostrando due avversarie degne». A chi gli domanda chi teme di più delle due, don Fabio non si sbilancia troppo: «Ripeto, sono due grandi squadre. L’Inter da due anni è fortissima. Le toglierei Adriano che fuori casa per tiro e peso specifico sa fare la differenza. Ma anche il Milan non è da meno». L’allenatore juventino se la prende con le condizioni precarie del campo di gioco che, a suo dire, ha condizionato non poco la prestazione della sua squadra: «Questo campo ci penalizza, quando ci pressano è davvero difficile tenersi in equilibrio».
Capello non è d’accordo con chi afferma che il Siena ha reso la vita troppo dura alla sua squadra. «Nel primo tempo abbiamo avuto tre nitide occasioni da gol, nella ripresa addirittura cinque. Cosa si vuole di più? Certo il Siena qualche occasione l’ha avuta, ma il risultato non è mai stato in discussione».