Tokio scende, ma per errore

Le Borse mondiali hanno vissuto una giornata di forti contrasti, con New York debole in avvio per il nuovo balzo nel prezzo del greggio. Anche se gli indici sono ritornati in positivo nella seconda parte della seduta, restano deboli i titoli dell’auto, con Gm che arretra di oltre il 2% e Ford dello 0,5%. In rialzo i titoli immobiliari, con Lennar e Toll Brothers che guadagnano quasi il 2%. Limate Coca-Cola (meno 0,3%) e Pepsi Cola (meno 0,4%). Un errore nella trasmissione di un ordine per una recluta alla Borsa di Tokio, la J-Com, ha creato un profondo malumore al mercato, con forti ribassi nel comparto bancario, dove Mizuho perde il 3,4%, Mitsubishi il 3,1% e Nomura il 3,7%. Tutte in positivo nel finale le piazze europee, con Francoforte in crescita dello 0,38%, spinta dal rialzo di Karstadtquelle (più 13,8%). Deboli gli assicurativi a Londra e Parigi. Su quest’ultima piazza il titolo Edf ha superato per la prima volta quota 32 euro, dalla quotazione del 21 novembre.