«Per Tokio sei mesi di crescita»

da Milano

È Tokio la piazza finanziaria che crescerà di più nei prossimi 6 mesi. C’è attesa per un aumento della volatilità in Europa e negli Usa, mentre s’allontana un taglio dei tassi da parte della Fed e si avvicina un rialzo da parte della Bce. È quanto prevedono i gestori nel primo sondaggio del 2007, condotto da Morningstar tra il 9 e il 15 gennaio, che ha coinvolto 23 delle principali società italiane ed estere sul territorio. Per l’83% degli intervistati il listino giapponese salirà nei prossimi 6 mesi, contro circa il 70% che è positivo sull’Europa e il 65% che prevede un rialzo di Wall Street. Rispetto a dicembre, gli ottimisti sono tornati a crescere (erano il 66,6%), mentre i pessimisti si sono dimezzati. La maggior parte dei gestori è convinta che il 2007 possa essere per Tokio anno del riscatto, dopo il deludente 2006. Tra i fattori critici c’è però la forte dipendenza delle esportazioni dagli Usa, che potrebbe impattare negativamente sulla ripresa se l’economia Usa rallenterà significativamente. Positiva, poi, la stima sull’Europa che continua la fase espansiva. Nessuna penalizzazione, per ora, dall’apprezzamento dell’euro sul dollaro. I gestori temono, però, che l’aumento dell’Iva in Germania e i provvedimenti fiscali restrittivi in altri Paesi possano determinare un temporaneo rallentamento della congiuntura.