Tomba, Capello e Nedved quegli strani opinionisti Rai

da Torino

Sarà Raisport la rete olimpica su Raidue per i Giochi olimpici e Paralimpici di Torino 2006. La Rai ha deciso di dedicare l'intero canale alla manifestazione olimpica con 24 ore al giorno in diretta. Saranno 500 le ore di trasmissione Tv e radio, 230 gli addetti alla produzione, 35 fra giornalisti e inviati. Questo in cifre l'impegno della Rai nei 7 giorni di gare delle Olimpiadi invernali di Torino 2006 che si svolgeranno dal 10 al 16 febbraio. La Rai dedicherà ampio spazio anche alle Paralimpiadi, le gare per le persone diversamente abili che dal 10 al 19 marzo vedranno impegnati 1.300 atleti di 41 Paesi. In occasione delle Olimpiadi per la prima volta in Italia il Centro ricerche Rai di Torino sperimenterà nel capoluogo piemontese la nuova frontiera della televisione mobile, che al momento potrà essere vista sui cellulari grazie alla tecnologia DVB-H: una tecnologia diffusiva (broadcast) simile a quella utilizzata dalla comune televisione terrestre e come tale è caratterizzata dal fatto che lo stesso contenuto può essere ricevuto contemporaneamente in diretta da un numero elevatissimo di utenti.
Per quanto riguarda le Olimpiadi di Torino 2006, la grande novità arriverà dalle telecronache di hockey su ghiaccio dove, oltre al commentatore tecnico, Rolando Benvenuti, la Rai ha ingaggiato in esclusiva l'allenatore della Juventus Fabio Capello e il centrocampista bianconero Pavel Nedved, grandi esperti e appassionati di questo sport. Alberto Tomba sarà invece l’opinionista Rai per le gare di sci. Lo ha annunciato ieri il direttore Rai Sport, Fabrizio Maffei, nell'ambito della conferenza stampa di presentazione di Rai2 come canale dei Giochi Olimpici invernali.