Tomelleri al Doria Valdés al Blue Note

Sette giorni fitti di musica afro-americana in città e nell’hinterland, quasi come ai bei tempi in cui Milano era considerata la capitale italiana del jazz, per cui è inevitabile dedicare poche parole a ciascun avvenimento.
Al Piccolo Teatro Studio è di scena oggi alle 21 l’Orchestra senza confini con gli Italian Jazz Graffiti, mentre il Teatro Dal Verme ospita la prima serata del Festival del Jazz Incroci Sonori: protagonista è il Trio Rosenberg, un complesso tzigano dei Paesi Bassi.
Il Caffè Doria Jazz Club (viale Doria 22, ore 22) ha in programma domani sera la Hopeless Jazz Band e giovedì 8 marzo il quintetto di Paolo Tomelleri. Il Blue Note di via Borsieri 37 (ore 21 e 23.30) annuncia per domani la cantante e compositrice Vienna Teng e per mercoledì 7 il duo di Bruno De Filippi e Mario Rusca, armonica a bocca e pianoforte. Da giovedì a sabato ritorna il pianista cubano Chucho Valdés.
Mercoledì 7 alle 17, al Politecnico Bovisa in via Durando 10 tiene concerto il gruppo Time Percussion di Tony Arco con la partecipazione di Airto Moreira.
Nel cartellone della Salumeria della Musica (via Pasinetti 2, ore 22) spicca giovedì 8 l’eccellente gruppo italiano Five for Jazz. Venerdì 9 marzo cominciano i tre giorni di Bergamo Jazz con Antonello Salis, Paolo Fresu, Furio Di Castri e il quintetto di Roscoe Mitchell.