Tonfo di Lexmark al Nyse

Sessione decisamente negativa per Lexmark International (stampanti), che crolla di oltre il 30% sul Nyse, dopo il taglio delle stime sugli utili del terzo trimestre operata dalla società di stampanti. Lexmark ha dichiarato che l'attivo per azione si attesterà a un valore compreso tra 40 e 50 centesimi, meno della metà di quanto precedente atteso, e contro gli 1,02 dollari previsti dal consensus. Il gruppo ha motivato la propria decisione con il calo del giro d'affari che è stato tra il 4% e il 5 per cento.