Toni: «Nesta e Maldini? Una giornata storta»

nostro inviato a Firenze
Stavolta ad applaudirlo c’era anche Gabriel Batistuta. E se la Fiesole continua ad amare il suo bomber del passato, vedere lo striscione «Bati unico re leone, sempre uno di noi», ora inneggia a Luca Toni. Quindici gol in 12 partite, due in più dell’argentino nella sua migliore stagione viola. «Oggi abbiamo fatto qualche cosa di grande, è stata un’altra giornata fantastica», dice Toni, alla terza doppietta del campionato dopo quelle a Udinese e Siena. Che vale il secondo posto per i viola. «Avevamo di fronte una grande squadra, che sta molto bene fisicamente. Noi siamo più deboli, c’è andata bene in qualche occasione, ma abbiamo vinto. Ora andremo all'Olimpico contro la Roma e cercheremo di dare il massimo». La sfida diretta con Gilardino l’ha vinta per due gol a uno e nonostante la rabbia del Milan per la rete annullata al compagno di nazionale, Toni sottolinea: «Secondo me Gila tira un po’ giù Di Loreto e poi di contatti così in area ne capitano tantissimi. Anche a me sono stati annullati gol per questo motivo. Noi insieme in nazionale? Il mio sogno è farlo al Mondiale ed essere protagonisti». In chiusura Toni assolve i centrali rossoneri Nesta e Maldini per gli errori. «Sono due fuoriclasse, contro di noi è andata male. Credo che sia stata solo una giornata storta».