Toni rompe in tv con Van Gaal: via dalla rosa

A far precipitare la situazione tra i due l’intervista rilasciata a Replay, la trasmissione di Rai3 curata da Bruno
Gentili, e andata in onda lunedì. Lì l’ex di Fiorentina e Palermo ha ammesso di voler tornare in Italia e di essere
arrivato ad un punto di non ritorno

Van Gaal-Toni fine della storia. Al rapporto tra l’attaccante italiano e il tecnico del Bayern Monaco, ormai deteriorato da tempo, mancava solo lo strappo decisivo, che oggi è puntualmente arrivato con la messa fuori rosa del campione del mondo a poche ore dal decisivo match di Champions dei tedeschi contro gli israeliani del Maccabi Haifa. A far precipitare la situazione tra i due l’intervista rilasciata a Replay, la trasmissione di Rai3 curata da Bruno Gentili, e andata in onda lunedì. Lì l’ex di Fiorentina e Palermo ha ammesso di voler tornare in Italia e di essere arrivato ad un punto di non ritorno con l’allenatore olandese: «quello che avevo da dire a Vaan Gaal gliel’ho detto in faccia, credo che il rapporto con lui sia ormai concluso». Parole costate care anche al giornalista della tv italiana, Stefano Bizzotto, reo secondo il Bayern di non aver informato il club tedesco sul tenore delle dichiarazioni di Toni: per questo è stato dichiarato "non gradito" per le prossime interviste dai dirigenti bavaresi. È andata ovviamente peggio a Toni, che ieri si era regolarmente allenato per poi ritrovarsi nell’elenco dei puniti da parte dell’allenatore olandese, che al riguardo ha anche detto una bugia: «Toni non si è allenato». Il vero motivo è stato scoperto oggi dai media tedeschi, e in Germania è scoppiato il caso. La tv tedesca ha richiesto alla Rai il video integrale per ritrasmetterlo oggi. La notizia della sospensione di Toni era stata rilanciata oggi dal giornale tedesco Bild secondo cui la decisione del tecnico olandese è legata alle frasi «poco felici» rilasciate all’emittente italiana. Toni aveva parlato della sua situazione di disagio con Van Gaal e aveva detto di voler tornare a giocare in Italia. «Io ho dei problemi da quattro mesi con lui. Il nostro rapporto è a dir poco terminato. Mi piacerebbe molto tornare in Italia per segnare quei gol che mi consentirebbero di tornare nel giro della nazionale», le parole dell’attaccante 32enne. Solo ieri Van Gaal aveva detto che a causa di un infortunio Toni «si era tirato fuori dai convocati» della squadra che affronterà il Maccabi Haifa stasera in Champions League. Ma secondo Bild, Van Gaal era ormai convinto che il rapporto tra lui e Toni sia giunto al capolinea. L’attaccante italiano si era già visto infliggere dal suo club all’inizio di novembre una multa salata per aver mancato di rispetto al Bayern Monaco: uscito dal terreno di gioco nel secondo tempo del match contro lo Schalke 04 al termine di una scialba prestazione aveva lasciato lo stadio subito dopo essersi fatto la doccia. Il Bayern aveva parlato di «un inaccettabile mancanza di disciplina». L’attaccante italiano si era poi scusato con i suoi compagni di squadra. Per quando detto questa mattina dal commentatore sportivo del canale tedesco televisivo ZDF, il conflitto Van Gaal-Toni non potrà che portare alla partenza di uno dei due dal Bayern. In caso di sconfitta questa sera in Champions League la direzione del club tedesco potrebbe infatti anche pensare seriamente alla sostituzione di Louis van Gaal. A proposito invece di un possibile ritorno in Italia di Toni il Bayern non ha voluto commentare: «Non possiamo rispondere per il momento» ha spiegato il direttore sportivo del club bavarese, Christian Nerlinger. «Luca Toni deve imparare a convivere con la sua nuova situazione al Bayern», ha concluso Nerlinger.