«Tonino è da manicomio»

Le scorie di Tangentopoli sono ancora lontane dall’essere smaltite: su fronti opposti, ieri come oggi, Stefania Craxi e Di Pietro. La prima sempre acerrima nemica dell’ex pm per ciò che ha rappresentato più che per ciò che rappresenta, il secondo perennemente in trincea con tutto ciò che profuma di centrodestra. Di Pietro vede fantasmi dittatoriali ovunque e Stefania, che di questo governo è sottosegretario agli Esteri (come lo fu il fratello Bobo nell’ultimo esecutivo Pd targato Prodi), li rispedisce al mittente. «Se il Paese è alle soglie della dittatura - ha detto la Craxi - chi, come Di Pietro, si avventura in surreali e pericolose dichiarazioni del genere, è alle soglie del manicomio!». Ora la parola a Tonino...