La top ten di chi prende più soldi

Ecco i «magnifici dieci» della classifica degli incarichi regionali, in base alla documentazione della presidenza regionale.
1. CATANZARO Giovanni
E’ il consigliere delegato di Lombardia Informatica, la spa interamente controllata dalla Regione ch si occupa della informatizzazione della pubblica amministrazione. Un bestione da 240 milioni di fatturato e oltre cinquecento dipendente. Stipendio di Catanzaro: 269.280 euro
2. CANTONI Giampiero.
Presidente della Fondazione Fiera Milano, l’ente autonomo senza fini di lucro che controlla e coordina le società operative Fiera Milano spa e Sviluppo Sistema Fiera spa. Stipendio di Cantoni: 206.582,76 euro.
3. ACHILLE Norberto.
Presidente di Ferrovie Nord Milano, la società per azioni che controlla sia infrastrutture che esercizio. Stipendi di Achille: 123.949,66 euro.
4. GIORDANO Donato.
Ricopre dal 2005 la carica di «ombudsman» regionale, alla quale ha successivamente assommato il ruolo di Garante del contribuente e Garante dei detenuti. Il suo stipendio è equiparato a quello dei consiglieri regionali ovvero 9.480 euro al mese pari a 113.760 euro.
5. SALA Giuliano.
Presidente della Commissione regionale di controllo (Co.Re.Co.), struttura locale della Corte dei conti. Stipendio 112.905 euro.
6. PENCO Luigi.
Vicepresidente del Co.re.co. Stipendio: 112.905 euro
7. CHIRICHELLI Giampaolo.
Presidente di Finlombarda, finanziaria regionale di sviluppo. Stipendio: 109.250 euro.
8. DAPRA' Alberto.
Presidente di Lombardia Informatica. Stipendio: 107.424 euro.
9. MARINO Carlo Maria.
Presidente di Arpa, l’agenzia regionale per l’ambiente. Stipendio: 99.201 euro.
10. BOZZETTI Giovanni.
Presidente di Infrastrutture Lombarde, stipendio 94.000 euro.