Torino e il Piemonte modello per l’Europa Azione a 360 gradi

La terza rivoluzione industriale è alle porte e Torino guarda in alto, diventandone una delle grandi protagoniste planetarie. Alla volatile «economia degli spread», la città della Mole risponde con pragmatismo e concretezza profonda e articolata. Torna a fare industria sul territorio, attraverso la ricerca e l'innovazione e getta le basi di una nuova economia reale, tracciabile e ancorata al futuro. E gli indirizzi sono rotte precise e operose. Parole d'ordine inderogabili se si vuole resistere alla crisi. Favorire l'incremento del fatturato estero delle imprese e aumentarne competenze commerciali e competitività. Individuare nuovi committenti e partner internazionali (case costruttrici, sistemisti, grandi componentisti). Stimolare la crescita aziendale attraverso l'aggregazione, lo sviluppo e la comunicazione di progetti innovativi.
Inoltre, diffondere e consolidare sui mercati esteri l'immagine di Torino e del Piemonte quali punti strategici per l'approvvigionamento e la localizzazione di attività produttive qualificate, contribuendo alla crescita economica della regione nel suo insieme, attraverso lo sviluppo delle filiere dell'innovazione nel turismo, nella sanità, nel finance, nel multimedia, nell'energia, nell'automotive, nelle reti di processo e di gestione, nell'aerospazio e nei sistemi intelligenti di mobilità e trasporto urbano.
È una nuova geografia del fare che la città antonelliana sta ridisegnando, come prossimo modello per il Paese e per l'Europa, attraverso una nuova economia della sostenibilità, in grado di declinare processi intelligenti, che tengano conto del territorio, dell'ambiente e delle nuove e future esigenze del sociale. Incontri tecnologici e commerciali internazionali, fiere, convegni, che richiamano migliaia di imprese da tutto il mondo, centri di studio e di promozione di una nuova cultura industriale, con la collaborazione delle grandi istituzioni universitarie, come il Politecnico e i Centri di ricerca, organizzati dalla Camera di commercio di Torino (in collaborazione con la rete Enterprise Europe Network e il Ceipiemonte), ne fanno da corollario costruendo un tessuto vivo e stimolante, ma soprattutto basato sulla ricerca e l'innovazione.
Nascono così iniziative uniche nel panorama internazionale, come TOSM-Torino Software and System Meeting, organizzata dalla Camera di commercio e dal gruppo Ict dell'Unione Industriale, quest'anno in co-location con ITN-Infrastructure, Telematics & Navigation, l'evento dedicato a infrastrutture intelligenti, infomobilità e navigazione satellitare. Aerospace and Defense Meetings, per i protagonisti dell'industria aeronautica, velivolisti, motoristi, produttori di vettori spaziali e di satelliti. E, ancora, From Concept to Car, Torino Piemonte Aerospace, Think Up, InToMech, InContract. Tutti appuntamenti di grande rilievo per i diversi settori di riferimento, che fanno di Torino il centro di una nuova cultura tecnologica sempre più universale.
«Tutte iniziative di vasto rilievo - conclude Alessandro Barberis, presidente della Camera di commercio di Torino - preziose opportunità per fornitori di prodotti e servizi allo scopo di incontrare gli uffici acquisti delle principali aziende, su agende pianificate».