Il Torino gira a vuoto Il Catania ne approfitta

Torino. Alla fine, i fischi. Contro il Toro, colpevole di non avere battuto il Catania pur essendo stato in vantaggio 1-0 e in superiorità numerica per un'ora. Finisce 1-1, il match tra granata e siciliani: primo gol in serie A per Malonga (palla ribadita in rete dopo la traversa colpita in rovesciata da Ventola), baby francese di origini congolesi strappato al Monaco lo scorso giugno e subentrato dopo una manciata di minuti all'infortunato Rosina; pareggio di Martinez quasi a metà ripresa (cross innocuo di Sabato, velo di Spinesi e mezza, se non intera, papera del portiere Fontana, nemmeno lontano parente dell’omonimo palermitano). Alla fine sono contenti solo gli uomini di Baldini, bravi a recuperare il doppio svantaggio di gol e di uomini dal momento che Vargas era stato espulso a metà primo tempo per avere ironicamente applaudito l'arbitro, reo di avere ammonito Spinesi per simulazione. Il Toro invece si lecca le ferite: avrebbe voluto fare il salto in classifica, non ci è riuscito e per di più dovrà rinunciare per parecchi mesi a Di Michele, appena rientrato dopo la squalifica per la vicenda scommesse e ieri ko (duro trauma al ginocchio) dopo un contrasto con il portiere catanese Polito, innocente al di là del soliti cori beceri che gli sono stati rivolti anche in una giornata in cui un po' di sale in zucca non sarebbe dovuto mancare da parte di tanti.