Torino, rissa tra bidelli: due donne in fin di vita

Due collaboratrici scolastiche dell'isituto comprensivo Tommaseo sono state aggredite e picchiate a sprangate nella palestra della scuola da un collega dopo un diverbio. Sono ricoverate con commozioni cerebrali. Biagio La Porta, 50 anni, è in arresto

Torino - Aggredite e ridotte in fin di vita a scuola da un collega. Si è nella scuola la brutale aggressione in cui sono rimaste ferite questa mattina a Torino due bidelle. L’episodio si è verificato all’interno dell’edificio, in via Sant’Ottavio 7, che ospita l’istituto comprensivo statale Tommaseo. Le due donne hanno riportato gravi ferite. Una sarebbe in pericolo di vita. La polizia ha già fermato un uomo, il loro presunto aggressore: si tratterebbe, secondo le prime informazioni, di un altro bidello della scuola. Sul posto sono intervenute le volanti della questura e la squadra mobile.

In palestra L’aggressione, secondo una prima ricostruzione dei fatti, è avvenuta all’interno della palestra della scuola, dove i bidelli stavano facendo le pulizie. A scatenare la rabbia dell’uomo, Biagio La Porta, 50 anni, che era già stato segnalato per comportamenti irascibili, sarebbero stati futili motivi legati alla loro attività. Dalle parole ai fatti il passo è stato breve: l’uomo ha impugnato una spranga che si trovava nell’edificio, oggi chiuso agli alunni per le vacanze di Natale, e ha iniziato a infierire sulle due colleghe, Rosa Bianco, 40 anni, e Maria Catoggio, 41 anni. Poi ha chiamato il 113 e si è costituito alla polizia che lo ha arrestato per tentato omicidio. Il bidello è stato portato in questura dove è ora sotto interrogatorio. Soccorse dal 118, le due ferite sono state invece trasportate in ambulanza all’ospedale Mauriziano e al Cto. Dai primi accertamenti effettuati avrebbero riportato un trauma cranico commotivo. Sono coscienti, ma non ricordano nulla di quanto è accaduto al momento dell’aggressione.