Torino Scarpe no global contro il pupazzo di Maroni

Scarpe di gomma piuma lanciate contro un fantoccio che raffigurava il ministro dell’Interno Maroni: ecco la protesta dei centri sociali di Torino contro il «pacchetto sicurezza». Promossa dall’Assemblea antirazzista, s’è svolta con un corteo per le vie della città che ha raccolto circa 1.500 persone, molti gli immigrati presenti. Il «rito» del lancio delle scarpe si è verificato nella zona della centralissima piazza Castello. Intanto un esponente locale della Lega Nord, Mario Carossa, capogruppo al consiglio comunale, lamenta di essere stato «insultato e minacciato» nel mercato di Porta Palazzo, dove si era presentato per verificare se i manifestanti avessero l’intenzione di bloccare l’attività dei commercianti. «Questi delinquenti dei centri sociali - ha dichiarato - non mi intimidiscono. Chiederò al questore di vietare manifestazioni del genere nel quartiere».
Il corteo torinese si è svolto in concomitanza con quello - di maggiore richiamo - in programma a Milano, ma era stato annunciato diverso tempo prima.