Torino, tenta di sequestrare tre bimbe in gita

Un romeno di 36 anni è stato bloccato dai passanti e arrestato dalla polizia mentre cercava di sequestrare due bambine, di 10 e 11 anni, che erano in gita con la scuola. L'episodio in corso Vittorio Emanuele, in pieno centro

Torino - Un uomo ha tentato di rapire tre bambine di 10 e 11 anni che si trovavano in gita scolastica a Torino. Si tratta di un romeno di 36 anni che è stato bloccato in tempo dalla polizia e arrestato per tentato sequestro di minori. Vittime dell’agguato sventato, tre bambine di una scuola elementare di Brescia. L’episodio è accaduto in pieno centro cittadino, in corso Vittorio Emanuele all’angolo con via XX Settembre. La scolaresca era appena uscita da un locale dove aveva consumato il pranzo, quando l’uomo si è avvicinato al gruppo e ha iniziato a strattonare alcune bambine nel tentativo di portarle via. Le maestre si sono subito accorte del fatto e hanno fatto cordone attorno agli scolari, dando contemporaneamente l’allarme. Intanto, anche altri passanti sono intervenuti contro il romeno che si è quindi dato alla fuga, ma è stato bloccato poco dopo in via Re Umberto dalle forze dell’ordine. È un romeno di 36 anni, I.H., o almeno è quanto lui ha dichiarato. Ancora sconosciuti i motivi del gesto dal momento che lo straniero, che si trovava in compagnia di una donna su cui sono ora in corso accertamenti, si è chiuso nel silenzio dopo la convalida dell’arresto.

Il tentato rapimento Erano circa le 14 quando la scolaresca, 37 alunni accompagnati da tre maestre, è uscita da una pizzeria di corso Vittorio Emanuele per aspettare l’autobus che li avrebbe riportati a casa. Sabato, infatti, era l’ultimo giorno di una gita che si è conclusa con un grande spavento. Secondo quanto ricostruito dalla polizia improvvisamente al gruppo di bambini si è avvicinato un uomo alto circa un metro e 60 con un giubbotto e un cappellino in testa e improvvisamente, con estrema violenza ha afferrato una bimba di 11 anni tentando di trascinarla via. La piccola si è messa a urlare e le maestre hanno formato un vero e proprio cordone intorno a lei costringendo l’uomo ad allontanarsi. Lui ha però fatto un gesto che indicava che sarebbe tornato e, dopo aver finto di andarsene, ha nuovamente raggiunto il gruppo afferrando questa volta due bambine di 10 anni che ha trascinato via per qualche metro, il tutto sotto gli occhi di una donna, con carnagione olivastra e capelli ricci, che, pur non avendo partecipato all’azione, secondo le maestre era una complice del romeno.

L'arresto Ma mentre l’uomo cercava di allontanarsi con le bambine sono intervenuti quattro passanti che sono riusciti a liberare le due vittime e a chiamare il 113. Intanto il sequestratore si è dato alla fuga, ma gli agenti delle volanti, intervenuti con cinque auto, hanno bloccato la zona riuscendo a individuare, in corso Re Umberto, un uomo corrispondente alle descrizioni del malvivente. I poliziotti lo hanno quindi bloccato e riportato sul posto del tentato sequestro dove il romeno è stato riconosciuto da uno dei passanti che lo avevano bloccato e che si era fermato sul posto. In tasca il romeno, che non aveva documenti, aveva un coltello a serramanico e la fotografia di una donna. Gli inquirenti stanno ora cercando di capire se possa trattarsi di quella che è stata vista dietro di lui dalle maestre.