Il tormentone Oddo stufa Rossi: «Vuole andar via? Faccia pure»

Per il tecnico la squadra che si appresta ad affrontare la serie A con 11 punti di penalizzazione è più forte di quella dell’anno scorso

Giacomo Legame

«Oddo? Se un giocatore vuole andarsene, non sarò certo io a trattenerlo per forza». Più chiaro di così il tecnico della Lazio Delio Rossi non poteva essere. L’addio del forte difensore sarebbe certamente una partenza dolorosa, ma è stato Oddo che a più riprese ha chiesto la cessione. Dunque non resta che aspettare ancora un po’ l’ennesima, interminabile trattattiva di questo imbalsamato mercato. Il Milan, la società interessata al biancoceleste, offre sempre 3,5 milioni di euro più uno a scelta tra Simic e Brocchi. Un’ipotesi che non soddisfa il presidente Claudio Lotito. Il patron, che valuta il suo gioiello oltre gli 8 milioni, ha fatto capire ai rossoneri che per prenderlo dovranno alzare di molto la loro ultima proposta, e senza inserire contropartite tecniche. Di sicuro sembra di rivedere la stessa scena della passata stagione, anche se al posto di Oddo c’era Cesar ora all’Inter di Mancini.
«Secondo me - ha continuato il mister Rossi - con o senza Oddo questa squadra è comunque più competitiva di quella della passata stagione, anche se solo il campo potrà confermare questa mia ipotesi. Dispiace per l’handicap di undici punti, ma cercheremo di recuperare in fretta la penalizzazione».
Ma ieri si è tornati a parlare della penalizzazione e della strategia difensiva della società. «Adesso abbiamo la Camera di Conciliazione, poi se sarà necessario andremo all'Arbitrato, ma se tutti e due non vanno bene, allora andremo al Tar...». A confermare questi passaggi è l’avvocato di punta della Lazio Gianmichele Gentile. I legali della società hanno da tempo depositato l’istanza per la Camera di Conciliazione e stanno aspettando il 23 agosto per vedere come si comporterà la Federcalcio.
«Noi abbiamo invitato la Figc a conciliare - ha spiegato il legale biancoceleste -, anche se al momento, almeno a sentire le dichiarazioni di Rossi, non ci sembrano disposti a farlo.
L’unica cosa che posso dire è che la punizione che ci è stata inflitta ci sembra troppo severa». «Non ci sono precedenti - ha detto Gentile - che per quattro articoli 1 si debbano levare a una squadra ben 41 punti. È assurdo e troppo pesante quello che sta vivendo la Lazio». Secondo gli avvocati biancocelesti ci sono gli estremi per poter avere degli sconti davanti ai prossimi due passaggi della giustizia sportiva. Gentile, inoltre, rivela che per l'Arbitrato del Coni ci sarebbero possibilità di «poter portare anche la posizione della Lazio», oltre a quella di Claudio Lotito.
Infine la Federcalcio ha fatto sapere che la partita Lazio-Rende, in programma domenica 20 agosto alle 20,30 allo stadio Flaminio, valevole per il primo turno eliminatorio della coppa Italia, sarà diretta dall’arbitro Ayroldi e dagli assistenti Pascariello e Altomare. I tagliandi per la gara sono in vendita da ieri mattina. Oltre ai punti vendita della Lottomatica, i biglietti potranno essere acquistati lo stesso giorno della gara presso la biglietteria del Gran Teatro in Viale Tor di Quinto e al negozio «Lazio Cento» in via Calderini 67/c. Questi i prezzi comprensivi di prevendita: Tribuna d’Onore 44 euro; Tribuna Coperta 22 euro; Tribuna Scoperta 11 euro; Curve 5,50 euro.