Torna «Brontolo» di Oliviero Beha: «Un viaggio nella memoria»

«Non c’è nessuna polemica tra me e il direttore del Tg3. Io e Bianca Berlinguer non abbiamo mai discusso. Ritengo inoltre di non aver fatto niente, né mai mi è stato rimproverato alcunché. Io però sul terzo telegiornale della Rai non vado in onda e il perché bisognerebbe chiederlo al direttore di testata». Con queste parole Oliviero Beha, a margine di una conferenza stampa in cui ha presentato la nuova edizione del suo programma «Brontolo», ha commentato la sua mancata partecipazione al tg come editorialista sportivo e di costume. «Posso solo dire - ha poi aggiunto il giornalista - che, dal luglio del 2008, esiste un ordine di servizio, imposto dal giudice alla Rai, che dice che io devo andare in onda». La seconda stagione di «Brontolo» torna lunedì dalle 10 alle 11 su Raitre. «Voglio rendere vivo il discorso della memoria, che spesso sembra essere recluso in una sorta di loculo». Così Beha ha descritto l’obiettivo principale del suo programma. Nel corso delle puntate infatti, ha spiegato il giornalista, «si partirà da spezzoni di immagini d’archivio per arrivare ai giorni d’oggi».