Torna Chiambretti A «Markette» Prodi e Pavarotti

da Milano

Quando lo vedi che si avvicina a Romano Prodi pensi: siamo alle solite. Ma appena l’inquadratura si allarga e scopri che Piero Chiambretti è vestito da parroco, proprio con l’abito talare fino ai piedi, e Prodi saltabecca prima di sciogliersi in battute inconsuete, allora ti accorgi che è tornato Markette (da stasera su La7) e che il terzo polo televisivo ridiscende in campo con il terzo lato dell’informazione: quello pungente, spesso irriverente, sganciato dai luoghi comuni al punto di diventare, talvolta, quasi impudico. Così, avete capito, stasera l’intervista del prete Chiambretti a Romano Prodi sarà uno dei punti forti del debutto stagionale e, tanto per dire, «se mi capitasse di intervistare anche Berlusconi ci andrei vestito da cavallo perché lui è un Cavaliere».
Ieri, negli studi Cinevideo di Milano, Chiambretti si è presentato in scena giaccato e cravattato, forse un po’ sovrappeso, e il suo palco ha dato subito l’idea di ciò che sarà questa lunga serie di programmi. L’ambientazione è a metà tra il cabaret e il salotto di Bruno Vespa. Anzi, le due poltrone lì davanti sono proprio identiche a quelle di Porta a Porta e quando Giorgio Gori (della Magnolia, società produttrice di Markette) e Antonio Campo Dall’Orto (direttore di La7) si sono seduti, ci si aspettava un bel faccia a faccia stile seconda serata. Invece è stato il solito scoppiettìo di battute, come nello stile Chiambretti. Ecco il riassunto: «Dopo aver passato l’estate a vedere marchette mascherate da trasmissioni vere, questa è una trasmissione vera mascherata da Marketta». Allora nella trasmissione vera (che ha perduto Sylvie Lubamba, trasferita alla Talpa di Italia Uno) ci sono molte novità. La più sorprendente è Sabina Negri, che fuori dagli studi Cinevideo è la moglie del ministro per le Riforme Roberto Calderoli ma quando si accendono le telecamere «questa è la mia vita», perciò farà la casalinga disperata alle prese con il marito superimpegnato. Accanto a lei ci saranno anche Rosalia Porcaro (da Zelig) e il vicedirettore di Chi, Alfonso Signorini. Gli altri (Magda Gomes, Costantino della Gherardesca, Xena e Claudio Lauretta) sono tutti confermati. Intanto a dare il ritmo ci penserà sempre lui, Chiambretti, che l’esilio voluto/forzato dalla Rai autorizza a essere sempre più agile e disincantato. Stasera - per dire la notizia confermata ieri notte - festeggerà Pavarotti intervistandolo nel giorno del suo compleanno e per una volta non sarà la solita, stucchevole canzonetta di auguri in Re maggiore.