Torna il «Circolo» di Dickens a farci ridere

Benché pochi l'abbiano davvero letto, è nel Circolo Pickwick che «va ricercato il genio di Dickens» (Harold Bloom). Oltre a essere «uno dei capolavori dell'umorismo inglese», il romanzo, che ci fa ridere da 180 anni, «contiene in embrione pressoché interamente l'opera futura di Dickens» (Mario Praz). La fiammante edizione Feltrinelli, poi, è benedetta da una traduzione d'autore: Alessandro Ceni, tra i rarissimi poeti italiani di pregio, ha navigato con Melville e Conrad, ha convertito in italiano Whitman, Coleridge, Lewis Carroll e molti altri. Un fenomeno quanto Dickens.Davide Brullo