Torna in commissione la legge sul commercio

La legge sul commercio fa un passo indietro e torna in commissione Piccole e medie imprese, commercio e artigianato, per «approfondimenti». A stabilirlo la riunione dei capigruppo che si è riunita ieri mattina alla Pisana e una successiva votazione del consiglio regionale del Lazio. La proposta di legge («modifiche a disposizioni legislative in materia di attività produttiva di cui alle leggi regionali 18 novembre 1999 numero 33, 27 febbraio 2004 numero due, 29 novembre 2006 numero 21 e successive modifiche»), che ha tra i nodi fondamentali il diritto dell’equivalenza, ovvero il diritto per gli ambulanti di esser trasferiti da un luogo di pregio ad un altro sito dello stesso pregio, avrebbe dovuto essere discussa in Consiglio regionale ieri, ma già da martedì era noto che sarebbe stata rimandata. «Finalmente la mia proposta di rinviare la discussione sulla legge 33/99 è stata accolta anche dalla conferenza dei capigruppo e il testo torna alla commissione Commercio per una rivisitazione», commenta il presidente del gruppo misto in Regione, Francesco Saponaro, che «aveva più volte auspicato uno studio più approfondito della legge».