Torna «Enzimi», il festival-non-festival

L’edizione n° 11 dell’indefinibile kermesse tra Termini, San Lorenzo e il Circolo degli Artisti

(21-24 settembre a San Lorenzo), e c’è poco da fraintendere, il messaggio è piuttosto chiaro. Enzimi non è un festival né una vetrina della produzione artistica di autori giovani. Enzimi, giunta all’undicesima edizione, è una manifestazione ormai così originale da esser definita solo per negazione. Si potrebbe forse dire che è un punto d’incontro, fino a oggi itinerante, tra pubblico e artisti, dove le due realtà dialogano senza alcun tipo di barriera. E questo per Enzimi è un anno davvero importante, perché parte un percorso che ha come punto di arrivo l’apertura di un Centro di Produzioni Culturali al Mattatoio entro il 2008, con uno spazio di ben 4mila metri quadri. Tra i luoghi deputati di Enzimi ci sono San Lorenzo, la Stazione Termini, il Circolo degli Artisti sulla Casilina Vecchia. Proprio al Circolo degli Artisti si terrà la serata inaugurale: alle ore 19 ci sarà il reading letterario di «Gomorra», il libro di Roberto Saviano sul potere della camorra. Scritta in prima persona, l’opera di Saviano ripercorre fatti di cronaca legati all’«organizzazione», cercando di svelare i misteri del sistema. Alle ore 21 un evento musicale sotto il segno della nuova etichetta discografica romana «Sleeping Star», che presenta artisti giovani, ma già celebri: la «new folk» americana Ramona Còrdoba presenterà The boy who floated freely, mentre Erlend Oye, dei Kings Of Convenience, presenta il suo nuovo progetto solista The Whitest Boy Alive. A chiudere la serata sarà il gruppo esordiente romano Montecristo con il suo primo lavoro discografico. Tra gli innumerevoli eventi in programma segnaliamo l’anteprima assoluta, sabato 23 alle ore 20 presso l’atrio della Stazione Termini, dell’evento speciale dedicato al film muto Ponte dei sospiri di Domenico Gaido (1921). La pellicola «di cappa e spada», ambientata nella Venezia del ’500, verrà presentata in versione restaurata con una partitura musicale che spazia dal jazz alle sperimentazioni contemporanee, eseguita dal vivo e composta da Bread and Tomato Trio di Gianluca Putrella, Dj Painè, X-Coast e Antonio Coppola. In chiusura di serata sempre alla Stazione Termini il concerto dei Pigna People, progetto musicale che raccoglie dj e producer di fama internazionale che hanno suonato già nei celebri dj set di Dissonanze e del Sonar di Barcellona. Info www.enzimi.com.
\