Torna l’incubo del lancio di sassi Arrestati quattro piccoli nomadi

Torna l’incubo dei sassi dal cavalcavia nella capitale. Gli agenti della polizia municipale del II gruppo ieri alle 18,30 hanno fermato quattro giovani nomadi tra i 5 e i 12 anni che tiravano sassi alle auto in transito su via del Muro Torto dal cavalcavia di piazzale Brasile. I sassi erano delle dimensioni di circa venti centimetri. La notizia è diffusa da Alessandro Marchetti, segretario romano del Sulpm. «I quattro bambini nomadi, di stanza a Roma - aggiunge Marchetti - hanno anche colpito il deflettore posteriore sinistro di un autoveicolo station wagon in transito appartenente a un napoletano di passaggio nella Capitale. Per fortuna non vi sono stati feriti né altri danni a cose. I nomadi sono stati accompagnati presso la sede del Gruppo e sono tutt’ora in corso ulteriori accertamenti al fine di identificarli informando le competenti autorità». L’ultimo episodio simile Roma risale a poco più di un anno fa: era il 17 agosto 2005 quando una donna con problemi mentali lanciò un sasso del diametro di circa trenta centimetri su via Bergamini, in zona Monti Tiburtini e fu catturata da un poliziotto di passaggio che aveva notato il suo gesto.