Torna l'Europa League: nuovo match point qualificazione per l'Udinese

I friulani giocano a Rennes, con una vittoria sono ai sedicesimi. Spareggio da dentro o fuori per la Lazio nel gelo di Vaslui

Secondo match-point per l'Udinese, partita da dentro o fuori per la Lazio. Con la Champions a riposo, l'Europa League torna sul palcoscenico europeo con le due squadre italiane ancora in corsa a caccia di un biglietto per i sedicesimi. Dopo la disfatta di Madrid, la squadra di Guidolin ha l'occasione di conquistare il passaggio del turno in Francia, sul campo di un Rennes ormai quasi eliminato. La vittoria potrebbe garantire ai friulani la qualificazione ma solo in caso di successo dei «colchoneros» in Scozia, contro un Celtic che invece, con i tre punti, potrebbe mettere pressione alla squadra di Guidolin. I friulani restano padroni del proprio destino, così come la Lazio, attesa giovedì dallo 'spareggiò contro il Vaslui. Se lo Zurigo non dovesse vincere a Lisbona contro il già qualificato Sporting, il successo garantirebbe ai biancocelesti di staccare il biglietto per i sedicesimi con un turno d'anticipo, visto anche il 2-2 dell'Olimpico. Ma non sarà facile: il Vaslui continua a farsi valere in Europa, specie grazie ai risultati in casa, dove non perde da 10 partite consecutive.
Per quanto riguarda gli altri gironi, il Tottenham (gruppo A) ospita a White Hart Lane la capolista Paok con la possibilità di effettuare il sorpasso e portarsi al comando in compagnia del Rubin, che invece riceverà gli irlandesi dello Shamrock Rovers, ancora a zero punti. Sa ormai di sfida per il primo posto quella tra Standard Liegi e Hannover (girone B), col Copenaghen che però potrebbe approfittarne per tornare in corsa, a patto di fare bottino pieno sul campo del Vorskla Poltava. A Varsavia Legia e Psv Eindhoven (girone C) si giocano il primato ma entrambe le squadre hanno ormai in tasca la certezza matematica della qualificazione, certezza che potrebbe raggiungere anche lo Stoke City (gruppo E) che in casa, dove è imbattuto, affronterà la Dinamo Kiev. La formazione ucraina, che non ha mai vinto in 10 trasferte in Inghilterra segnando appena due gol, dovrà però tentare l'impresa o sperare, in caso contrario, di una caduta del Besiktas in Israele per non uscire di scena in anticipo.
Delicata sfida in terra austriaca per il Psg: i francesi, secondi nel girone F a quota 7 (l'Athletic Bilbao è già qualificato), affronteranno il Salisburgo, fermo a 4 punti, e anche un pari basterebbe per approdare ai sedicesimi. Ultima chiamata per l'Austria Vienna (girone G) in Ucraina contro il Metalist Kharkiv capolista, con l'Az Alkmaar, ospite del Malmoe e secondo nel gruppo, spettatore interessato. Grande incertezza nel girone H, con tre squadre a pari punti: due, Braga e Birmingham, si sfideranno domani in Portogallo, col Bruges pronto a sfruttare lo scontro diretto nella trasferta slovena contro il Maribor.
Nel quinto turno potrebbe decidersi il gruppo J, con Schalke e Maccabi Haifa al primo match point da concretizzare nei rispettivi impegni con Steaua e Aek Larnaca ma è quasi fatta anche per il Fulham (girone K) che spera di far festa sul campo del già qualificato Twente: anche un pari potrebbe essere sufficiente a patto che finisca in parità anche la gara tra Odense e Wisla Cracovia. C'è poco in ballo, infine, nel gruppo L dove l'Anderlecht, di scena ad Atene, insegue la quinta vittoria in cinque partite, con la Lokomotiv Mosca che ha a disposizione due risultati su tre con lo Sturm Graz per mettere al sicuro la qualificazione.