Torna alla normalità l’import russo

È tornata alla normalità l'importazione di gas dalla Russia. Secondo i tecnici dell’Eni ieri il flusso in arrivo non ha registrato alcun calo. Sono stati dunque consegnati tutti i 74 milioni di metri cubi di gas richiesti. Nella giornata di domenica , invece, il calo dell'import era stato pari all'1,4% (pari a un milione di metri cubi), con un impatto sui consumi italiani dello 0,3%. Nelle 24 ore i metri cubi di gas richiesti alla Russia sono stati anche in questo caso 74 milioni, dei quali 1 milione non consegnato. Intanto il gigante russo del gas, Gazprom, ha pubblicato ieri sul suo sito Internet i risultati della società per i primi nove mesi del 2005. I profitti netti sono aumentati del 67% su base annua grazie alla crescita delle tariffe del gas sia in Russia che all'estero. I profitti nel periodo in considerazione sono pari a 6,82 miliardi di euro. Le vendite di Gazprom, che controlla il 20% delle riserve mondiali di gas naturale, sono cresciute del 37% per un totale di 8,55 miliardi di euro. Sempre ieri Gazprom ha smentito la firma dell’accordo di joint venture tra la compagnia ucraina Naftogaz e l'attuale fornitore, RosUkrEnergo (50% Gazprom).