Torna Somma l’avvocato senza paura

Lo schema classico della fiction gialla non cambia mai. Non cambierà dunque nemmeno «Un caso di coscienza»: terza edizione del legal-drama (ambientato cioè nel mondo giudiziario) che, diretto da Luigi Perelli, ha fin qui proposto le inchieste dell'avvocato Rocco Tasca, interpretate da Sebastiano Somma, con Loredana Cannata e Barbara Livi. Ancora una volta, dunque, a partire da lunedì, in prima serata su Raiuno, l'avvocato dovrà affrontare sei casi ispirati a fatti di cronaca, meglio se scottanti: dalla violenza in famiglia alle morti provocate da prodotti dietetici illegali; dalla pulizia etnica in Bosnia ai traffici internazionali camuffati da aiuti umanitari. E tutte le puntate saranno attraversate da un caso trasversale, in cui secondo le regole sarà coinvolto (anche a livello privato) il protagonista stesso della serie. «Caratteristica essenziale del personaggio, e ciò che probabilmente ne ha decretato il successo fino a metterlo al centro di tre serie, è il suo coraggio - osserva Somma - Tasca è coraggioso. Perchè non arretra davanti ai casi più complessi e scottanti. Perchè cerca di affrontarli e risolverli senza pregiudizi. E perchè tenta sempre di mettersi dalla parte dei più deboli. Non una figura idealizzata, però, ma ispirata alla realtà. Perchè esistono anche nella realtà, degli avvocati così».