Torna Zeman, l’uomo del 4-3-3 «Prometto un calcio d’attacco»

Ogni volta per Zdenek Zeman sembra essere l’ultima. Si pensava dovesse essere così già a Napoli nel 1999, dopo il fallimento al Fenerbahce. Poi sono arrivate Salernitana, Avellino, Lecce, Brescia e ancora Lecce ma, tra esoneri e contratti non confermati, il gioco spumeggiante visto negli anni d’oro di Foggia e nella capitale (tra Roma e Lazio) si è rivisto solo nel primo anno nel Salento.
Ma, un anno e mezzo dopo l’ultima panchina, c’è ancora chi crede in lui: è il presidente della Stella Rossa di Belgrado, Toplica Spasojevic, che lo ha scelto per le prossime due stagioni. Lui, il boemo nemico del doping, ha accettato di buon grado: «La Stella Rossa è una grande società, l’ho seguita fin da quando ha vinto la coppa dei Campioni nel 1991. Ha la qualità e il potenziale per lavorare con serietà».
Il campionato serbo inizia il 10 agosto e l’uomo del 4-3-3 (che dovrebbe essere seguito dal fidato Vincenzo Cangelosi) ha già le idee chiare sulla sua squadra: «Giocherà un calcio moderno proiettato all’attacco».
Come sempre, considerato il personaggio, c’è chi lo amerà e chi lo odierà. Da ieri a Belgrado lo amano.