Il tornaconto di Cofferati

Genova è un «leviatano marino che non deve dimenticare la sua parte piratesca», Roma, Napoli e Palermo sono «interessanti». E Bologna di Cofferati? Finisce nella lista nera come «città per ruffiani culturali», nella classifica dello scrittore e poeta di sinistra Stefano Benni, che Bologna la conosce bene perché ci è nato. «Ormai non mi interessa più, da anni ho rotto con una città che è precipitata culturalmente e che è diventata un centro di ruffiani culturali, incapaci di aprirsi alla cultura senza cercare un tornaconto». Insulto al sindaco? Ma no, licenza poetica.