Tornato a Roma l’ufficiale ferito a fine luglio

È rientrato in Italia il capitano dell’esercito Roberto Punzo, rimasto ferito il 23 luglio a Marun al Ràs, a circa 40 chilometri a est di Naqura, nel Libano meridionale, mentre prestava servizio come osservatore dell'Onu. Le cause del ferimento sono tuttora in corso di accertamento. L'ufficiale - che si trovava in prossimità della linea di confine, al centro degli scontri tra l'esercito di Israele ed Hezbollah - sarebbe stato colpito sia da schegge di granata, sia da colpi di arma portatile. Accompagnato dalla moglie Alessandra, Punzo è tornato in Italia a bordo di un Piper Cheyenne messo a disposizione dall'Onu. Appena atterrato a Ciampino, è stato condotto al policlinico militare del Celio, mentre nei primi giorni della prossima settimana verrà trasferito al centro di riabilitazione Santa Lucia, sempre a Roma.