Il torneo Open Carige Atp fa il pieno di stelle

Claudio Rossini

Ritorna a Genova, da domani al 10 settembre, il tennis internazionale con la quarta edizione del Genoa Open Challenger fondazione Carige, presentata ieri allo Starhotel President che, anche quest'anno, ospiterà i tennisti impegnati allo stadio Beppe Croce e sui campi del C.S. Valletta Cambiaso. Venticinquemila dollari di monte premi, non molti se paragonati ad altri Challenger nostrani, ma onorati da una lista iscritti molto indicativa su quello che sarà il tasso tecnico della rassegna tennistica genovese che inizia domattina con il primo turno di qualificazione e, martedì 5, con gli incontri del singolare maschile, seguiti mercoledì 6 dagli incontri del doppio.
Molti gli italiani in gara e tre tra i primi cento mondiali. Davide Sanguinetti (n° 60 Atp) sarà l'attesa testa di serie. Riuscirà il trentaquattrenne atleta spezzino a conquistare il titolo dopo quelli vinti a Milano e a Delray Beach? L'occasione è ghiotta. A contrastarlo, in ordine di classifica Atp il tabellone presenta Alessio Di Mauro (88 Atp) e Potito Starace (98) l'ultimo vincitore dell'Open genovese. Tre italiani nelle prime tre teste di serie, ma gli stranieri agguerriti non mancano a cominciare dall'argentino Carlos Berlocq (111) che sta attraversando un ottimo periodo di forma, dal francese Cyril Saulnier (131) e dall'olandese Melle Van Gemerden (132). E poi ancora scorrendo la loro posizione in classifica mondiale al momento dell'iscrizione: lo spagnolo Oscar Hernandez (144) che tenne a battesimo l'open genovese come vincitore della prima edizione, Flavio Cipolla (149) eletto beniamino dai genovesi che tifavano per lui nell'incontro di finale contro Starace, Simone Bolelli (150), il costaricense Juan Antonio Marin (151) vincitore della seconda edizione, lo spagnolo Gorka Fraile (162), il monegasco Jean Rene Lisnard (163), Federico Luzzi (174) che a Genova nel 1994 si laureò campione europeo under 14, gli americani Wayne Odesnik (185) e Michael Russell (193), lo spagnolo Pablo Andujar (194),il brasiliano Julio Silva (195), il croato Marin Cilic (197). È un tabellone dove i migliori 18 giocatori sono compresi nei primi 200 del mondo. Questo il miglior biglietto da visita dell'evento genovese. Curiosando nell'organizzazione dell'evento genovese scopriamo che sarà Genoa Open 2003, il gruppo presieduto da Roberto Figura e formato da giovani dirigenti appassionati di tennis a rilevare l'associazione Gian Vittorio Cauvin che ha tenuto a battesimo le tre prime edizioni. Vincenzo Bottone è il supervisor ATP del torneo. Da venerdì 8 a domenica 10 le fasi finali saranno a pagamento (5 euro). Al prezzo di 10 euro è possibile l'abbonamento per le tre giornate conclusive.