Il Toro prende la Samp per le corna

Che bello scherzetto che tira Giampiero Ventura, ex cuore blucerchiato, alla “sua” Samp. I blucerchiati giocano un gran primo tempo, portandosi in vantaggio con un bel gol di Costa su cross di Semioli e sprecando anche parecchie occasioni per il raddoppio. Poi però il Torino – dopo un avvio abulico – trova i giusti equilibri: 1-1 di Suciu a fine primo tempo, splendido contropiede di Rolando Bianchi per il 2-1 alla mezzora della ripresa. Gioco, partita e incontro, per una Samp troppo squilibrata, soprattutto sulle fasce, ancora in fase di rodaggio. Torino a +5 sui blucerchiati. Alla settima di campionato è ancora presto per emettere sentenza. Ma questa prima sconfitta stagionale pesa come un macigno. Ed i 25 mila del Ferraris meritano sicuramente di più.
LE PAGELLE
Da Costa 6 non ha particolari colpe sui due gol, ma certo non compie miracoli.
Forse Romero – infortunato e costretto alla tribuna – avrebbe fatto vedere qualcosa di meglio.
Padalino 5,5 il mezzo pasticcio del pareggio granata nasce da una sua mancata chiusura difensiva. Si sbatte parecchio, ma dà l'impressione di girare un po' a vuota. Anche se nella ripresa concede pure qualche sgroppata interessante.
Costa 6 sceglia la serata forse più importante di questo avvio di stagione per firmare il suo primo gol con la maglia della Sampdoria. Perfetto l'inserimento aereo su un cross da destra di Semioli per l'1-0. Rete illusoria, però.
Accardi 5,5 nei primi minuti mette una bella pezza su un gran tiro di Suciu dalla distanza, poi nel secondo tempo soffre un po' troppo, sopratuttto su Antenucci. Urge il recupero di Gastaldello, anche ieri in tribuna e ancora non al meglio.
Castellini 5,5 Coperta corta anche per lui. Discreto in fase propositiva, soprattutto nel primo tempo. Vistoso calo quando si tratta di difendere. Corre tanto, ma lascia anche parecchi buchi ai granata. Dalla sua parte Antenucci va spesso a nozze, e nasce anche il cross di Stevanovic per il pari.
Semioli 6,5 interpreta bene il ruolo di esterno destro, probabilmente è il giocatore più adatto – in rosa – al 4-4-2 voluto da Atzori. E comunque si mette in evidenza anche sulla corsia opporta. Suo il cross da cui nasce il gol di Costa.
Obiang 6 A sprazzi fa vedere ottime cose, ma dopo un buon avvio cala alla distanza. Ha la personalità e le doti tecniche per diventare un giocatore importante. E però deve ancora crescere. S.t. 40' Bentivoglio s.v.
Palombo 5,5 non è in condizioni ottimali e si vede. Sempre generoso, ma spesso in ritardo rispetto ai dirimpettai del centrocampo granata. Perde un pallone a centrocampo, nel primo tempo, ed è costretto al fallo da ammonizione su Suciu.
Foggia 6 inizia molto bene, con parecchi spunti interessanti, ma nel ruolo di esterno – sia a destra sia a sinistra – forse è un po' troppo sacrificato. Prezioso in attacco, quasi mai utile nella fase di contenimento. Dalla sua fascia nasce il gol del pari del Toro. s.t. 17' Koman 5 entra al posto di Foggia e non incide, come già successo nella gara di due settimane fa col Grosseto. Né carne né pesce. Ma è una storia vecchia.
Bertani 6,5 è l'uomo più pericoloso tra i blucerchiati. Neo primo tempo sfiora il gol in almeno un paio di circostanze, dimostrando anche un certo coraggio nelle conclusioni dalla distanza. Nella ripresa sfiora il tapie-in vincente su assist di Padalino.
Maccarone 5,5 si guadagna gli applausi del Ferraris dopo un bel pallone recuperato, nel primo tempo, in un'azione confusa in cui Bertani chiede anche un rigore. E' generoso e si muove. Ma non tira mai. s.t. 30' Piovaccari 5,5: entra a furor di popolo, invocato dalla Sud come il salvatore della patria, ma non si fa mai vedere.