Toro: richieste pari a sei volte l’offerta

Le richieste per Toro che approderà in Borsa il primo giugno prossimo hanno superato sei volte l’offerta. Questo sia per gli investitori istituzionali, sia per il pubblico retail. Lo si apprende da fonti finanziarie nel giorno di chiusura dell’Ipo. Entro la fine della settimana sarà definito il prezzo definitivo dell’offerta. L’Ipo che prende il via è costituita da una offerta globale fino a un massimo del 30% del capitale di Toro. Il prezzo massimo dell’offerta pubblica è di 12 euro per azione e il lotto minimo di investimento di 300 azioni.I risultati trimestrali di Toro hanno visto la società chiudere il periodo con premi in crescita del 10%, un utile netto a 59,5 milioni di euro se considerato lo stesso perimetro del 2004 (+11,2%). Toro, con il ritorno in Piazza Affari, punterà sul rafforzamento della redditività e sulla ricerca di sinergie con il gruppo De Agostini.

Annunci

Altri articoli